16.7 C
Comune di Viareggio
venerdì, Settembre 30, 2022

Boom del factoring. Galmarini eletto presidente della Federazione Europea

Il momento positivo del factoring e le problematiche del settore sono al centro di un articolo che sarà pubblicato sul numero di maggio di “Leasing Magazine”, che riceviamo e pubblichiamo in anteprima. L’articolo annuncia la nomina di Fausto Galmarini a presidente della Federazione Europea per il Factoring e illustra le linee guida del suo mandato. Il mensile di economia, finanza e cultura diretto da Gianfranco Antognoli sarà disponibile nei prossimi giorni, sia in versione cartacea che online.

Il comitato esecutivo dell’EU Federation for the Factoring and Commercial Finance Industry (EUF), federazione che raccoglie le Associazioni nazionali di categoria del settore del factoring e rappresenta l’industria nei confronti degli organismi dell’Unione Europea, ha eletto Fausto Galmarini come nuovo Presidente. Già vicepresidente EUF dal 2018, attivo da oltre 20 anni nel settore del factoring, Galmarini è attualmente Responsabile delle Relazioni Istituzionali di Banca Sistema SpA, Italia. Nella stessa riunione, il comitato esecutivo della federazione ha confermato alla vicepresidenza Magdalena Wessel (DFV) ed eletto, sempre come vicepresidente, Ignacio Pla Vidal (AEF).

Fausto Galmarini ha dichiarato: “Sono davvero onorato e orgoglioso per la nomina a Presidente della Federazione Europea per il Factoring che rappresenterò, alla luce del supporto che i nostri associati hanno sempre dato e continuano a dare all’economia reale, sostenendo le imprese nell’ottimizzazione e gestione di capitale circolante anche in momenti difficili come quello attuale, con l’emergenza sanitaria e i rischi di escalation del conflitto tra Russia e Ucraina”.

“Nel 2021, in Europa – ha proseguito Galmarini – il nostro settore ha registrato una crescita del fatturato dell’11%, raggiungendo la ragguardevole cifra di 2mila miliardi di euro che rappresenta i due terzi del factoring mondiale. L’importanza della nostra attività è confermata dall’indice di penetrazione nel PIL europeo che supera il 12%, dal numero di clienti (oltre 265.000) e dall’importo degli anticipi concessi a fine 2021 pari a 275 miliardi di euro”.

“Il nostro compito è fornire supporto finanziario ai clienti e continueremo a farlo con competenza e adeguata attenzione agli sviluppi tecnologici che consentiranno un miglioramento dei servizi offerti. Confidiamo nella dovuta attenzione da parte delle Autorità affinché riconoscano, nel quadro normativo, la capacità di gestione del rischio che abbiamo sempre dimostrato, mantenendo il rischio di credito a un livello basso anche nelle fasi cicliche negative dell’economia”.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

ULTIMI ARTICOLI