15.6 C
Comune di Viareggio
venerdì, Settembre 30, 2022

Sicurezza in mare: alla spiaggia libera della Lecciona una postazione con i cani di salvamento

Presso la Capitaneria di Porto di Viareggio si è svolto un incontro innovativo per la salvaguardia delle persone lungo tutto il litorale versiliese in previsione della prossima stagione balneare. Il Comandante Capitano di Fregata Alessandro Russo ha infatti incontrato i rappresentanti della Scuola Italiana cani di Salvamento di Firenze per programmare l’attività di questa Scuola lungo gli oltre venti chilometri che separano la Marina di Torre del Lago da Forte dei Marmi. Perché le Unità Cinofile operative di questa Scuola vengono addestrate ad operare su qualsiasi mezzo di soccorso: elicotteri, motovedette, gommoni e acquascooter in modo da raggiungere il luogo dell’intervento nel più breve tempo possibile. Il disciplinare attuativo dell’accordo quadro fra il Comando Generale delle Capitanerie di Porto-Guardia Costiera e la sopracitata Scuola prevede infatti la possibilità di imbarco di operatori e cani Terranova per salvataggio sui mezzi della Guardia Costiera.

Oltre alla già programmata postazione presso la spiaggia libera di ponente di Forte dei Marmi, il Comandante Alessandro Russo ha espresso di avere una seconda postazione presso la spiaggia libera della Lecciona a sud di Viareggio: una spiaggia libera frequentatissima in tutto il periodo estivo ed in particolare dai numerosi ospiti dei camping che sono sorti nella pineta retrostante. L’incontro si è ovviamente concluso con il rituale scambio dei “crest”. Si tratta quindi di un accordo che offre notevoli garanzie per quei tratti di spiaggia che non sono in concessione e che quindi sono aperte al pubblico gratuitamente, senza ovviamente quelle garanzie di sicurezza che invece sono per legge obbligatorie da parte dei concessionari degli stabilimenti balneari. E’ vero che alla Lecciona, sul fronte marino della Macchia Lucchese o Pineta di Ponente, da tempo esiste un presidio da parte dei volontari della Misericordia e della Croce Verde, ma la presenza costante di un gruppo cinofilo costituirebbe un’ ulteriore garanzia di pronto intervento.

Come si può constatare, mentre la sicurezza dei bagnanti sulle spiagge date in concessione è di spettanza dei concessionari che devono dotare i rispettivi stabilimenti – come già accennato –  sia dei bagnini di salvamento che di tutte le attrezzature indispensabili per il pronto intervento, in generale la sicurezza delle spiagge libere è affidata a dei volontari delle diverse associazioni esistenti nel territorio. Con l’accordo sopracitato, invece, a questi volontari – se ci sono – possono unirsi questi gruppi cinofili altamente specializzati in salvamento, e quindi garantire sorveglianza ed interventi certamente più veloci, oltre che mirati, a seconda delle circostanze.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

ULTIMI ARTICOLI