23.1 C
Comune di Viareggio
domenica, Giugno 16, 2024

L’uomo nella tragedia della guerra. Gli scatti di Romano Cagnoni in mostra all’Atelier Balderi di Milano 

Una mostra a Milano rende omaggio a Romano Cagnoni, il grande fotografo riconosciuto a livello internazionale e uno dei più rappresentativi del Novecento nato a Pietrasanta nel 1935 e scomparso nel 2018.

Da sabato 23 settembre – inaugurazione alle 18.30 – al 31 ottobre, lo spazio espositivo Atelier Balderi dell’Archivio Iginio Balderi, via Ausonio 20 a Milano, ospita la mostra fotografica intitolata “Eye on Humanity” a cura di Ivo Balderi e della Fondazione Romano Cagnoni di Pietrasanta. In esposizione una selezione di 50 fotografie a colori e in bianco e nero quasi tutte di grande formato, realizzate da Cagnoni negli anni della sua attività. La mostra è inserita nel programma del Photofestival, la rassegna di fotografia d’autore che dal 15 settembre al 31 ottobre propone un ricco programma di mostre e altre iniziative diffuse sul territorio metropolitano di Milano e in alcune province lombarde, per promuovere la cultura dell’immagine (info: www.milanophotofestival.it ).

- Advertisement -
Romano Cagnoni, 1977 Colombia, Muzo. The Green War

“La migliore fotografia per me, è un documento umano di impatto visivo. Documento nel senso che si relaziona all’esistenza. Umano perché racconta lo stato d’animo del prossimo. E tutto questo deve avere un impatto visivo memorabile”, è questa la sintesi del percorso di Cagnoni nel suo lavoro come lo ha voluto definire lui stesso su Maledetti Fotografi nel 2015. Essere sul posto e non perdere mai di vista il lato umano, soprattutto nelle situazioni più drammatiche come le guerre.

Romano Cagnoni 1968 Biafra

Consacrato alla storia del fotogiornalismo, da reportage che lo hanno portato nei punti più caldi del pianeta, in Vietnam del Nord nel ’65,  dove accede come primo fotografo occidentale indipendente, riuscendo a ritrarre Ho Chi Minh, in Biafra nel ‘68-‘69, facendo scoprire al mondo il più cruento conflitto dell’Africa postcoloniale e che gli sono valsi le copertine dei magazine internazionali più importanti e il prestigioso Overseas Press Award, fino al Bangla Desh nel ’71, chiuso a tutti i giornalisti, e ancora al Sud America di Fidel Castro, Salvador Allende e Juan Peron, all’Irlanda del Nord e agli ultimi anni dell’Imperatore Etiopico Hailè Salassiè nel ’72, alla guerra dello Yom Kippur nel ’73, per arrivare all’invasione Sovietica in Afghanistan nell’80 e in Polonia nell’81, per continuare nella ex-Yugoslavia negli anni ’90, in Cecenia nel ’95 e in Siria nel 2015, all’età di 80 anni.

Romano Cagnoni 1973 Israele

“Le situazioni esistenziali attraversate da Romano Cagnoni – spiega il curatore Ivo Balderi -, gli hanno permesso di vedere le emozioni degli esseri umani messe a nudo. Questo è ciò che gli interessava, ciò che fotografava. È stato in prima linea a documentare azioni di guerra, e nelle retrovie, a raccontare la quotidianità e l’indicibile dolore delle popolazioni travolte dai conflitti. Tutto ciò con una capacità di vedere oltre i fatti della cronaca fotogiornalistica ordinaria.  La sua narrazione di avvenimenti destinati a modificare irreversibilmente l’ordine mondiale – prosegue -, diventa un susseguirsi di fotogrammi in grado di suscitare attenzione, riflessione, curiosità e stupore. Romano Cagnoni, ha scritto per immagini una sintesi della storia mondiale contemporanea. Osservate a distanza di tempo, le sue fotografie sono diventate “segni” universali che, esaurita la funzione documentaristica, testimoniano in modo lucido e sensibile, la straordinaria e drammatica storia dell’uomo”, conclude Balderi. 

Romano Cagnoni, 1991 Croazia, Nustar

Durante la sua carriera Romano Cagnoni ha tenuto 50 mostre personali, pubblicato 16 libri e ricevuto numerosi premi. Nel 2019 è stata costituita la Fondazione Romano Cagnoni. Oltre a tutelarne l’eredità, l’ente promuove il Romano Cagnoni Award, premio internazionale dedicato al fotogiornalismo.

Romano Cagnoni nell’ex Jugoslavia nel 1992

La mostra “Eye on Humanity” è aperta ad ingresso libero dal 23 settembre al 31 ottobre dal giovedì alla domenica dalle 15.30 alle 19.30, nella sede dell’Atelier Balderi presso Archivio Iginio Balderi, via Ausonio 20 Milano; info: e-mail:  archivio@iginiobalderi.org

Related Articles

ULTIMI ARTICOLI