19.9 C
Comune di Viareggio
giovedì, Settembre 29, 2022

Sipario sul “Corsanico Festival” con il concerto di musica barocca del grande organista Michael Von Troschke

Con un concerto straordinario dell’organista tedesco Michael Von Troschke si conclude sabato 10 settembre il “Corsanico Festival 2022”. I dieci concerti che l’hanno preceduto nei mesi di luglio e agosto sono stati un successo che ha superato ogni più rosea aspettativa, tanto da riempire d’orgoglio Graziano Barsotti che nella sua qualità di presidente dell’Associazione Culturale “Amici della musica d’organo Vincenzo Colonna” che lo organizza, è anche il direttore artistico della manifestazione. Ciò che speriamo accada anche nella serata dell’ultimo concerto con l’esibizione di questo organista dalla multiforme attività musicale. Quella di questa estate è stata una stagione che ha alternato all’ovvia e scontata valorizzazione di uno strumento monumentale come il “Vincenzo Colonna”, concerti strumentali nonché lirici dedicati al bel canto, in particolare alle romanze della “Tosca” pucciniana. Quindi è stata la tanto auspicata e desiderata stagione del rilancio dopo le difficoltà di natura oggettiva dovute alla ben nota pandemia.

Il settantenne Michael Von Troschke è nativo di Hannover. Ha studiato presso il Conservatorio di Friburgo diplomandosi in pianoforte, arpa e composizione, mentre alla “Albert Ludwigs-universitat” della stessa città ha conseguito il dottorato in Musicologia con le materie complementari di storia dell’arte e filosofia. Da qui la docenza di teoria musicale presso i Conservatori di Friburgo, Trossingen e Karlsruhe. Dal 1988 è anche professore di Composizione e Teoria presso l’Università di Musica di Amburgo. Inoltre è anche musicista di chiesa presso le parrocchie di St. Georg a Lubecca Trevemunde e di St. Ansverus a Ratzeburg.

Questo il programma di stasera, intitolato “Concerti italiani nello specchio della musica organistica tedesca”: J.S. Bach (1685-17509: “Toccata in Re min. BWV 565”; A. Marcello (1673-1747): “Concerto in Re min. 974”; J.S. Bach “Preludio e fuga in Do min. 974”; A. Vivaldi (16678-1741) – J.S. Bach: “Concerto in Fa magg. BWV 978”; I. Marchand (1669-1732): “Plein Leu e Fuga”; T. Albinoni (1671-17519: “Adagio in Sol min.”; J. Pachelbel (1653-1706): “Was Gott tut das ist wohlgenan (dalla Partita sul Corale)” e J.S. Bach: “Jesu bleibet meine Freude B 147”. Quindi un trionfo della musica barocca perché composta fra il 1600 e il 1700.

Un concerto nella Pieve di San Michele Arcangelo a Corsanico

“E’ stato veramente un successone la stagione di quest’anno – ci ha detto in proposito Graziano Barsotti – . Dopo due anni di sofferenza. In particolare ci sono stati alcuni concerti, come quello lirico e quello dedicato a musiche da film, in cui la chiesa era colma fino all’inverosimile. Ma ci sono stati anche un paio di concerti per organo solo, forse dovuti alla personalità e alla bravura di chi si è seduto alla consolle, che hanno fatto registrare il tutto esaurito. In più mi è gradito preannunciare che, sempre dopo due anni di forzata sospensione, il 26 dicembre prossimo ci sarà di nuovo il ‘Concerto di Natale’ con la partecipazione di quattro cori,ivi compreso quello della parrocchia di Corsanico”.

Il concerto di sabato sera si tiene come di consueto nella Pieve di San Michele Arcangelo a Corsanico ed è ad ingresso libero. Inizio alle ore 19.
Mario Pellegrini

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

ULTIMI ARTICOLI