17.3 C
Comune di Viareggio
giovedì, Ottobre 6, 2022

Tagliata una sezione alla scuola dell’infanzia di Torre del Lago. Protesta la Lega: “Grave danno socio educativo”

“La mancata autorizzazione della quarta classe della scuola dell’infanzia Borgo 1 di Torre del Lago da parte dell’Ufficio scolastico territoriale è inaccettabile, ingiustificabile e avrà gravi ripercussioni su bambini e famiglie”. Ad affermarlo è il consigliere comunale della Lega, Alberto Pardini, che prosegue: “E’ una scelta che contrasta fortemente con la linea nazionale basata sulla necessità e strategicità di costituire percorsi scolastici ci accompagnamento verticale dei ragazzi, funzione peraltro propria degli istituti comprensivi, anche per far fronte ai mutamenti delle dinamiche sociali e alle necessità delle famiglie”.

“Il taglio ingiustificato di una sezione funzionante e con insegnanti di ruolo, se confermata, comporterà un danno socio educativo enorme – sottolinea il consigliere del Carroccio – : l’obbligata ridistribuzione degli alunni della quarta classe infatti impedirà nuovi ingressi, rendendo ancor più affollate le altre sezioni e lasciando di fatto decine di famiglie tagliate fuori da questo importante servizio con pesanti ripercussioni sull’organizzazione quotidiana, senza contare i bambini che si troveranno privati del loro diritto ad avere un’opportunità formativa. Non solo: la mancanza di nuovi ingressi, nel medio termine, avrà come conseguenza l’impossibilità di costituire una classe prima tra tre anni – evidenzia Pardini – . Siamo così di fronte all’ennesimo e inaccettabile tentativo di svilimento della comunità di Torre del Lago Puccini che tutti abbiamo il dovere di contrastare. La scorsa settimana ho personalmente interessato della questione la capogruppo in consiglio regionale Elisa Montemagni che ha provato, sia informalmente che formalmente, a portare la questione all’attenzione dell’assessore regionale all’Istruzione, Alessandra Nardini, purtroppo ad oggi senza riscontro alcuno, ad ogni modo presenteremo comunque un atto dedicato”.

“I numeri, a cui spesso la burocrazia si attacca per giustificare le scelte, danno ragione al lavoro che viene quotidianamente svolto all’Istituto Comprensivo di Torre del Lago e testimoniano un’offerta formativa consolidata e di qualità, ma soprattutto pongono con forza l’istituzione scolastica al centro degli equilibri sociali, soprattutto oggi dopo due anni passati tra restrizioni e relazioni sociali limitate, che hanno penalizzato proprio i più piccoli – conclude Alberto Pardini – . Il taglio della sezione della scuola dell’infanzia altro non sarebbe che un freno alla crescita della nostra comunità ed è dovere di tutti fare quanto in proprio potere per scongiurare questa ipotesi”.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

ULTIMI ARTICOLI