34 C
Comune di Viareggio
venerdì, Luglio 19, 2024

Chiude l’ufficio postale di Querceta, il rammarico del sindaco: “Tutelerò i miei cittadini in caso di disagi”

Il sindaco Lorenzo Alessandrini ha accolto con grande sorpresa e rammarico la notizia della chiusura temporanea dell’ufficio postale di Querceta. “Non ho avuto alcuna informazione ufficiale da Poste in merito a questo provvedimento – commenta Lorenzo Alessandrini – e, soprattutto, la decisione mi lascia basito alle luce degli enormi disagi derivanti dalla precedente chiusura dell’ufficio quercetano, che comportò una situazione insostenibile per i miei cittadini”.

Il sindaco fa riferimento alla chiusura seguita all’assalto allo sportello bancomat, avvenuta in una sera del luglio 2022, con l’utilizzo di esplosivo che causò ingenti danni all’edificio postale, tanto da richiedere una prolungata interruzione del servizio per consentire i complessi interventi di ripristino.

- Advertisement -

“In quel caso si trattò di una chiusura per cause di forza maggiore – aggiunge Alessandrini – e che come sindaco seguii da vicino e con la massima comprensione, seppur rendendomi conto che il carico sull’ufficio postale di Ripa comportava disagi enormi per i cittadini. Tutti esercitammo la necessaria pazienza, cosa che Poste non potrà trovare dinanzi ad una sospensione del servizio che è stata decisa nel peggiore periodo dell’anno e col rischio di avere ricadute per gli utenti”.

Il sindaco fa riferimento all’incremento del carico di lavoro su Ripa, con le interminabili file sotto il sole estivo, con i pericoli per la strada provinciale che corre a fianco all’ufficio, con un incremento di disagi in particolare per le persone anziane.

Inoltre Alessandrini stigmatizza il fatto che la notizia sia trapelata pochi giorni prima della chiusura, prevista ai primi di luglio e sostiene che dovevano essere tenute “in considerazione le enormi problematiche sperimentate con la precedente interruzione del servizio. Dato che non si tratta di una situazione emergenziale, mi aspettavo che la chiusura venisse programmata in un altro periodo dell’anno, magari a primavera o in autunno. Si sta parlando di un ufficio postale fondamentale non solo per il territorio di Seravezza ma anche nell’ambito versiliese, con migliaia di accessi. Mi auguro che da Poste sappiano come motivare questa scelta e che non risulti solo un modo per assicurare le ferie al personale, comprimendo un servizio essenziale. Garantisco che, abitando vicino all’ufficio postale di Ripa, terrò personalmente e quotidianamente sotto controllo la situazione e, in caso di problemi agli utenti, magari anziani e costretti a ore di fila sotto il sole battente, mi riserverò di intraprendere le strade necessarie per tutelare i miei cittadini”.

Related Articles

ULTIMI ARTICOLI