14.2 C
Comune di Viareggio
mercoledì, Ottobre 5, 2022

Il Comune di Pietrasanta sottoscrive la “Carta internazionale dell’artigianato artistico”

Anche il Comune di Pietrasanta ha sottoscritto la “Carta internazionale dell’artigianato artistico”, nata nel 2011 a Parigi e che riconosce formalmente a questo settore un’identità propria, a livello tecnico, produttivo ed economico. In Municipio, nella sala del consiglio comunale, hanno ufficializzato l’adesione al documento il sindaco di Pietrasanta, Alberto Giovannetti, il presidente di Cna Lucca Andrea Giannecchini e quello di Confartigianato Imprese Lucca, Michela Fucile.

Una firma che arriva proprio nella settimana dedicata alle Giornate Europee dei Mestieri d’Arte: “Arte e artigianalità sono da sempre l’essenza di Pietrasanta – ha sottolineato Giovannetti – è grazie all’attività dei laboratori, delle fonderie e ai numerosi punti espositivi aperti sul territorio che la nostra cittadina ha attirato, in passato, l’interesse di grandi artisti come Fernando Botero e Igor Mitoraj e continua, ancora oggi, a proporsi con autorevolezza nelle sedi nazionali e internazionali più prestigiose, per sviluppare progetti e collaborazioni”.

“Da cittadino di Pietrasanta – ha dichiarato Andrea Giannecchini – sono particolarmente soddisfatto per questa firma e ringrazio l’amministrazione comunale per la disponbilità fin da subito manifestata a questa proposta. Con l’ingresso di Pietrasanta, che va a unirsi a Lucca e Seravezza, la nostra provincia diventa la più rappresentata in Toscana per numero di città firmatarie di questo documento”.

Da sempre fiore all’occhiello delle produzioni italiane e ambasciatore privilegiato del “Made in Italy”, l’artigianato artistico trova nella Carta internazionale non solo il primo “ricoscimento” formale ma anche una definizione sostanziale: delle lavorazioni appartenenti al settore, dei valori di cui è portatore e dei percorsi di ricerca, formazione e commercializzazione utili alla sua tutela e promozione: “Vogliamo dare un contributo concreto – ha rimarcato Michela Fucile – alla diffusione del valore della manualità a servizio dell’arte. Che non crea solo oggetti di alta qualità, che contraddistinguono l’artigianato italiano nel mondo, ma anche occasioni di socialità e coesione territoriale e internazionale”.

“L’artigianato artistico rappresenta l’identità di un territorio e di una cultura – ha concluso Elisa Guidi, coordinatrice di Artex – e la Carta costituisce uno strumento prezioso per raccontarlo, promuoverlo e valorizzarlo, riconoscendo il valore del lavoro degli artigiani e l’eccellenza dei loro prodotti”.

La Carta, ad oggi, ha raccolto l’adesione di quindici Regioni e di varie associazioni nazionali e internazionali, oltre che di diversi Comuni e Province italiane.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

ULTIMI ARTICOLI