15.6 C
Comune di Viareggio
venerdì, Settembre 30, 2022

“Tacciano le armi, avanti con coraggio e responsabilità”. L’appello per la pace in Ucraina dell’associazione Arno

“Il problema più grave causato dall’attacco ingiustificato di Mosca è l’emergenza umanitaria in Ucraina, oltre ai morti, i feriti i profughi e il potenziale all’allargamento del conflitto in atto”. Così interviene l’associazione Arno (Associazione Ricerca Neurologica) di Viareggio, analizzando l’impatto sui popoli, sulla economia e sulla convivenza civile del conflitto in Ucraina. “Come cittadini, come persone di buona volontà, come democratici oltre che come credenti per chi lo è, dobbiamo accogliere l’accorato appello di Papa Francesco: bisogna fermare subito le armi da guerra – affermano Gianfranco Antognoli e Ubaldo Bonuccelli, rispettivamente presidente e direttore scientifico dell’associazione – . L’Onu, e forse anche la maggioranza degli uomini liberi pure in Russia, chiede la fine del conflitto. La speranza, l’impegno e la testimonianza attiva non possono fermarsi e l’assurda ossessione oltranzista del regime di Mosca, pure isolato da tutto il mondo civile, va fermato prima possibile. Lavoriamo tutti per la pace, la libertà e l’autodeterminazione dei popoli; la tolleranza è la sola forza delle idee contro la prevaricazione e la violenza che portano sopraffazione e tragedie in Europa e nel resto del mondo (altre guerre si stanno consumando in Asia e Africa). Le armi di distruzione debbono essere messe a tacere, avanti con responsabilità e coraggio”.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

ULTIMI ARTICOLI