19.9 C
Comune di Viareggio
martedì, Settembre 27, 2022

Perché Viareggio ancora non ha un Duomo? La Comunità ecclesiale avrebbe bisogno di un riferimento

Come mai una città come Viareggio, seconda per importanza demografica nella Provincia di Lucca, è priva di un Duomo? A prescindere infatti dalla Cattedrale di San Martino nel capoluogo, ben altre tre grosse località se ne possono vantare: Castelnuovo Garfagnana (Arcidiocesi di Lucca), Barga e Pietrasanta (Archidiocesi di Pisa).

Un’anomalia bella e buona, se si pensa che perfino Camaiore è dotata di una Collegiata che la distingue da altre chiese. E’ vero che queste quattro realtà hanno una storia secolare che Viareggio nemmeno si sogna, ma oggi quella che erroneamente è stata chiamata “Perla del Tirreno” è senza dubbio molto più importante, almeno (come già detto) sotto il profilo demografico. Quindi abbiamo espresso un interrogativo quanto mai legittimo, che forse mai nessuno si è posto accettando una situazione quanto meno anomala.

Ma in fieri si sta forse muovendo qualcosa, perché da quando è giunto a Viareggio don Mauro Lucchesi come parroco della Basilica di San Paolino, forse perché arrivato dalla rettoria della Cattedrale di Lucca, ha espresso questo auspicio nella speranza che prima o poi si arrivi a questo salto di qualità in una città il cui comune supera i sessantamila abitanti.

E’ vero che Viareggio è una città recente, che non ha più niente a che vedere con i famosi “quattrocento” di cui ha parlato Mario Tobino, ma che è esplosa dall’immediato dopoguerra, diventando un centro che potrebbe avere un Duomo come le altre quattro località che più sopra abbiamo citato. Siamo d’accordo che l’estensione comunale è molto limitata rispetto a quelle di cui possono vantarsi di avere un Duomo, e che Viareggio non possiede chiese monumentali come quelle di Lucca e di Barga, o risalenti ai secoli scorsi come quelle di Pietrasanta e Castelnuovo, ma essendo una città moderna le sue chiese rispecchiano, più o meno, l’epoca in cui sono state costruite, cioè l’800 e il ‘900.

E qui non abbiamo alcuna remora a dire che, data la sua centralità urbanistica, questo onore dovrebbe essere appannaggio della basilica di San Paolino, visto che Sant’Andrea non è una chiesa diocesana, ma gestita dall’Ordine dei Servi di Maria e Sant’Antonio dall’Ordine francescano dei Frati Minori. Ai fini pratici avere o non avere un Duomo è del tutto insignificante, ma dal punto di vista ecclesiale conta molto perché Viareggio – pur mancando di radici storiche – è una città che meriterebbe la presenza di una chiesa cui tutte le altre dovrebbero far riferimento.

Mario Pellegrini

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

ULTIMI ARTICOLI