20.2 C
Comune di Viareggio
domenica, Settembre 25, 2022

In biblioteca un mese di iniziative per celebrare la Giornata del libro. Seminario e tesi di laurea su Palazzo Mediceo e sulle raccolte documentarie

Un mese ricco di progetti per la Biblioteca comunale “Sirio Giannini” che ha in programma una serie di iniziative per far scoprire ai bambini il fantastico mondo della lettura e per raccogliere attorno ai libri appassionati di ogni età.

In vista della Giornata mondiale del libro, che si celebra il 23 aprile, assessorato alla cultura e biblioteca hanno lanciato sulle pagine Facebook e Instagram della Biblioteca la campagna di invito alla lettura sotto l’hashtag #ticonsigliounlibro. Bibliotecari, lettori, studenti, possono condividere con gli utenti foto e video attraverso i quali si consiglia un testo che li ha particolarmente appassionati, inviando una email a biblioteca@comune.seravezza.lucca.it. E sono già numerose le proposte di lettura che si trovano postate sui canali social della biblioteca intitolata allo scrittore seravezzino Sirio Giannini.

Per una educazione alla lettura, si è pensato anche ai più piccoli dedicando loro il laboratorio didattico “Progetto nati per leggere”, a cura del Gruppo lettori della Versilia, in programma mercoledì 27 aprile e il 25 maggio alle ore 17 presso i locali della biblioteca a Palazzo Mediceo. L’iniziativa è infatti dedicata a bambini sino a 5 anni di età e ai loro genitori, considerando fondamentale che i più piccoli siano accompagnati sulla strada della lettura dai genitori che potranno così acquisire le tecniche per appassionare i figli a questa “buona pratica” culturale. A tutti i bambini partecipanti sarà data in omaggio la borsa “Nati per leggere”. La partecipazione all’iniziativa è gratuita, si consiglia in ogni modo la prenotazione e si richiede il Green Pass, sulla base della normativa vigente. Per informazioni e prenotazioni: tel. 0584-757701/1; biblioteca@comune.seravezza.lucca.it.

Proprio il 23 maggio, come detto Giornata mondiale del libro, si aprirà anche la campagna “Una rosa per un libro” che si protrarrà sino al 31 maggio. Una iniziativa nata in Spagna e che vede la buona pratica di scambiarsi una rosa a fronte di un libro, gesti entrambi di grande gentilezza.

A quanti prenderanno in prestito un libro in questo periodo, sarà dato in omaggio un particolare segnalibro, raffigurante appunto una rosa.

Non solo, si è pensato anche a una sorta di “caccia al tesoro”: tra gli scaffali della biblioteca saranno nascoste tre rose, nelle sezioni bambini, ragazzi e adulti. Contemporaneamente verranno forniti degli indizi sulle pagine social della biblioteca e chi indovinerà il titolo, e prenderà in prestito il volume, riceverà un libro in omaggio.

“Si tratta di iniziative promosse con l’obiettivo di avvicinare tutti i cittadini alla lettura e alla nostra biblioteca – commenta l’assessora alla cultura Vanessa Bertonelli – partendo appunto dai più piccoli ai quali vengono spesso dedicate apposite iniziative, consapevoli di quanto sia importante abituare i bambini a frequentare i luoghi di conoscenza e cultura. Oltre alle diverse attività quotidiane garantite dalla nostra biblioteca comunale, anche attraverso i social network, questo intenso mese vuole rappresentare un invito a tutta la cittadinanza per un coinvolgimento nelle vita culturale del nostro comune”.

Altra iniziativa in programma è il 21 maggio alle ore 17 nella Sala Cosimo I di Palazzo Mediceo con l’evento “Il Palazzo Mediceo e la Versilia nelle raccolte documentarie: storia, ricerca e valorizzazione”. Dopo i saluti istituzionali, la professoressa Annantonia Martorano del Dipartimento di Storia, Archeologia, Geografia, Arte e Spettacolo dell’Università di Firenze, interverrà su “Public engagement e territorio”, cui seguirà la presentazione delle tesi di laurea “Memoria cultura e cittadinanza: dalla Fototeca Storica della Versilia alle raccolte del Comune di Seravezza. Conservazione, valorizzazione e promozione” di Devid Panattoni (Corso di laurea magistrale in Scienze archivistiche e biblioteconomiche dell’Università di Firenze) e “Il Palazzo Mediceo di Seravezza: passato e presente di un edificio Unesco” di Stefania Neri (Corso di laurea magistrale in storia e forme delle arti visive, dello spettacolo e dei nuovi media dell’Università di Pisa).

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

ULTIMI ARTICOLI