15.6 C
Comune di Viareggio
venerdì, Settembre 30, 2022

Querceta, boom di visitatori alla fiera di San Giuseppe dopo due anni di stop. Bernardi: “Un successo che segna la ripresa post pandemia”

La lunga tradizione della fiera di san Giuseppe e il grande desiderio di tornare a riappropriarsi di questo appuntamento, dopo lo stop di due anni per la pandemia, hanno fatto della festa patronale di Querceta un successo di pubblico.

Sin dalle prime ore di questa mattina (sabato 19) gli stand allestiti nel centro e nelle strade limitrofe hanno visto un grande afflusso di visitatori, grazie anche alla riorganizzazione degli spazi espositivi e a una nuova disciplina del traffico che ha reso più accessibili le aree della fiera e i parcheggi. Una fiera che ha animato il paese grazie alla presenza dei 48 banchi di artigianato e antiquariato, dei 70 degli ambulanti e della quindicina di stand delle associazioni.

L’andamento della festa patronale è stato monitorato sin dalla prima mattina dal vice sindaco Adamo Bernardi che saluta con entusiasmo questo ritorno a una normalità tanto attesa. “Siamo decisamente soddisfatti di questa ripresa – spiega Bernardi –, abbiamo lavorato con convinzione per garantire una migliore fruibilità, molto apprezzato il mercatino dell’antiquariato e dell’artigianato in piazza Pertini, gli stand nelle strade attigue al Palazzo civico, così come la Corte dei sapori nell’area Comid, lo street food di piazza Pellegrini, lo spazio assegnato alle associazioni del territorio, la mostra agrozootecnica. Da sottolineare un dato importante, ovvero la partecipazione della stragrande maggioranza di espositori italiani, segno incoraggiante per un rilancio del comparto nazionale. Desidero rivolgere un ringraziamento e la gratitudine dell’amministrazione comunale agli uffici SUAP, alla Polizia Municipale e all’Ufficio tecnico per il grande lavoro svolto in queste settimane con dedizione e professionalità”.

I festeggiamenti per il Santo patrono sono stati aperti ieri sera (venerdì) dalla processione nelle vie del centro al termine della quale si è svolta in piazza Matteotti la veglia per la pace, organizzata dal parroco don Giuseppe Napolitano e che ha visto la partecipazione di scuole, associazioni del territorio e tanti cittadini. Particolarmente apprezzata la presenza dei musici e dei figuranti del Palio dei Micci che, dopo le lunghe restrizioni per il Covid, sono tornati a sfilare e a far rullare i tamburi nelle strade di Querceta.

Un segnale di speranza colto dal sindaco Lorenzo Alessandrini, assieme a quello dato dai tantissimi bambini presenti che hanno voluto portare, con i loro pensieri, un messaggio di solidarietà, tracciando il desiderio di un mondo di pace. “Ciascuno di noi è chiamato a mettere un seme per la pace” ha sottolineato il sindaco, rimarcando come ogni guerra si somigli portando ogni volta sopraffazione, sangue e tanto dolore. “Ma c’è sempre qualcosa che porta speranza come questa serata – ha aggiunto – con i messaggi dei nostri bambini, con la presenza delle associazioni, con la preghiera, con questa condivisione di un desiderio comune di pace”.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

ULTIMI ARTICOLI