16.7 C
Comune di Viareggio
venerdì, Settembre 30, 2022

La Scarpaccia, un piatto… come tu mi vuoi. Salata o dolce, dipende dalle tradizioni locali ma la protagonista resta sempre la zucchina, una regina delle diete

Scarpaccia salata o dolce? Dipende da dove abiti! Se sei di Camaiore è certamente croccante e salata mentre se sei viareggino dolce e morbida ma si può trovare anche la versione di Capezzano Pianore dove l’impasto è insaporito da parmigiano e uova.

In ogni caso però la vera protagonista è la zucchina. Appartenente alla famiglia delle Cucurbitacee ne esistono di molte varietà tutte con un ridotto contenuto calorico e iposodico quindi particolarmente indicate nelle diete. Le zucchine sono rinfrescanti, diuretiche e molto digeribili tanto da essere uno dei primi vegetali introdotti nell’alimentazione dei neonati. Possono essere mangiate oltre che da neonati e da bambini anche da persone celiache, diabetiche e sono particolarmente indicate in gravidanza perché ricche di folati che vengono convertiti in acido folico, fondamentale per lo sviluppo del sistema nervoso nel feto.

Il consumo di zucchine non ha controindicazioni, salvo particolari allergie.

Ricche di potassio, vitamina E e vitamina C, le zucchine, in realtà, sono il frutto immaturo della pianta e si consiglia di raccoglierle quando le dimensioni sono ancora ridotte. Infatti se lasciate cresce diventano non commestibile a causa della polpa piena di semi ma soprattutto del gusto amaro causato dalla cucurbitacina, sostanza tossica che, se assunta in grandi quantità, può provocare problemi alla nostra salute.

Ma tornando in cucina, il mio lato campanilistico vi indicherà solo la ricetta salata, quella che ha sempre preparato la mamma e prima ancora la nonna. Potreste utilizzarla per una colazione saporita o al posto del pane a pranzo, mi raccomando però di stare attenti a non eccedere con l’olio nelle altre pietanze in modo da non superare la quantità di grassi consigliata per il pasto.

Questi gli ingredienti: 500 gr. di zucchine nostrane con il fiore, 250 ml. di acqua, 250 gr. di farina 0, mezza cipolla rossa di Tropea e parmigiano q.b., olio extra vergine di oliva, una presa di sale e poco pepe.

Lavate le zucchine e i fiori e tagliate tutto a rondelle sottili, unite la cipolla tritata, una presa di sale, l’acqua e la farina e mescolate l’impasto. Prendete una placca da forno di 32 cm disponete sopra la carta da forno e l’impasto appiattendolo. Cospargete con il parmigiano, un filo d’olio e il pepe. Poi va cotta in forno a 180°C per un’ora.

Dott.ssa Gaia Rovai – Biologo nutrizionista

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

ULTIMI ARTICOLI